Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Abbadia della Croce Dorata

ORIGINI ED ORGANIZZAZIONE

La CROCE DORATA è un’istituzione rivolese legata al culto religioso dell’omonima Cappella situata nei pressi del Cimitero comunale.

L'attività del mantenimento di tale culto è affidata ad un gruppo di persone che formano l'ABBADIA DELLA CROCE DORATA.

I membri che ne fanno parte si definiscono Siriot.

L'origine di tale appellativo è dovuto ad un'antica tradizione in base alla quale ogni socio defunto veniva accompagnato al cimitero dai Siriot che affiancavano il carro funebre reggendo un cero (in piemontese "sira").

L’unica testimonianza fotografica di tale tradizione si trova in una rara immagine scattata durante il funerale del Comm. Giuseppe GRASSO, celebrato il giorno 6 Agosto 1957.

La consuetudine venne sospesa quando, per disposizione Comunale, i cortei funebri percorsi a piedi lungo le vie cittadine furono vietati. L'usanza è stata ripresa di recente, nel 2008, con un presidio alla bara durante il rito funebre del Socio Aldo BORGI.

Lo stesso presidio accompagna la salma durante una speciale benedizione impartita all'interno della Cappella, prima della tumulazione.

Il primo ed unico documento ufficiale relativo all'esistenza dell'Abbadia risale al 1904 ed è un registro storico che si apre con l'elenco dei 12 Soci, in carica all'epoca.

Per disposizione statutaria, attualmente, il numero dei membri dell’Abbadia è di 21 elementi effettivi, oltre al Parroco pro-tempore della Collegiata Santa Maria della Stella che è considerato membro di diritto, nonché assistente spirituale dell’Abbadia.

Le cariche nell’ambito dell’Abbadia vengono conferite per elezione diretta, durano tre anni e sono attualmente le seguenti:

  •    Il Presidente BUGNONE Roberto

  •    Il Vice-Presidente MORRA Agostino

  •    Il Segretario-Tesoriere LUTTATI Luigi



Per organizzare l’annuale Festività di Settembre ogni anno, tra i Soci dell’Abbadia, a turno, vengono nominati due Priori che durano in carica un anno.

Ultimo aggiornamento: 09/03/2021
Torna ai contenuti | Torna al menu